“Il dono” in omaggio a una leggenda del basket

(Tempo di lettura: 2 - 3 minuti)

Massimo Mazzetto

A Reggio Calabria, nell’area del Waterfront, è stata inaugurata la statua che ricorda Massimo Mazzetto, talento del basket scomparso tragicamente 36 anni fa

Commozione alla scopertura del monumento, realizzato dopo la distruzione della precedente stele. L’abbraccio della Pallacanestro Viola

In omaggio a una "leggenda" della pallacanestro calabrese e a un atleta che ha lasciato un grande vuoto ma anche un segno indelebile. A distanza di 36 anni dall’evento tragico che pose fine alla sua vita, Reggio Calabria ha celebrato Massimo Mazzetto, talento neroarancio e del basket nazionale, inaugurando la statua “Il dono” posta nell’area del Waterfront. Il modo migliore per tenere sempre viva la memoria dello sfortunato cestista, che in riva allo Stretto e in tutta la regione resta nei cuori di tanti appassionati della palla a spicchi.
L'inaugurazione della statua è arrivata al termine di un lungo percorso amministrativo. Nel mese di marzo dell’anno precedente, l’amministrazione Comunale aveva avviato, insieme al Comitato Massimo Mazzetto e a diversi altri interlocutori, tra cui la Pallacanestro Viola e il Supporter Trust, un dialogo finalizzato alla realizzazione di una nuova opera a seguito della vandalizzazione della stele collocata al Botteghelle, teatro delle gesta di Massimo Mazzetto.
All’inaugurazione in rappresentanza della Viola, partner del progetto, hanno presenziato il general manager Giuse Barrile e i dirigenti della società neroarancio: «Siamo felici di aver contribuito affinché alla memoria di Massimo fosse resa nuova dignità. Abbiamo raccolto più di un anno fa l’invito dell’amministrazione e del Comitato Mazzetto e abbiamo ritenuto doveroso partecipare per ricostruire quello che era stato distrutto: questo - hanno spiegato i dirigenti della Pallacanestro Viola Reggio Calabria - è il messaggio che tutti insieme abbiamo cercato di veicolare, con l’augurio che anche attraverso l’esempio e la testimonianza dei valori trasmessi da Massimo nella sua giovane vita, non accadano più episodi simili». Qualche ora prima dell'inaugurazione della statua "Il dono", in via informale un gruppo composto dal coach, dirigenti e tifosi della Pallacanestro Viola si era recato in via Possidonea, luogo dell’incidente, per rendere omaggio con dei fiori alla memoria dell’eterno numero 14. «Ciao Massimo, sarai sempre nei nostri cuori», hanno intonato i neroarancio.
A rendere omaggio a Mazzetto anche il massimo rappresentante del Coni calabrese, Maurizio Condipodero, che ha così commentato l'inaugurazione della nuova statua: «Quanto fatto è un punto di un percorso che deve andare avanti promuovendo e diffondendo la cultura, non solo sportiva, in ricordo di Massimo. Vorrei congratularmi con il Comitato presieduto da Andrea Mazzetto, fratello di Massimo, per la volontà dimostrata nel voler reagire così fermamente a quanto accaduto e per l'impegno che sta profondendo sul territorio».

contenuto-riservato-agli-abbonati

L'articolo integrale nel Settimanale di venerdì in formato digitale:

pagamento-abbonati

"Contributi incassati nel 2021: Euro 311.422,44. Indicazione resa ai sensi della lettera f) del comma 2 dell'articolo 5 del decreto legislativo 15 maggio 2017, n. 70"