Il Catanzaro vola. Mister Vivarini: «Strada ancora lunga, ci vuole umiltà»

(Tempo di lettura: 1 - 2 minuti)

L'allenatore dopo l'ennesimo poker dei giallorossi, stavolta contro il Cerignola: «Era la partita che ci voleva»

CATANZARO «La strada è lunga ma la strada è questa. Vediamo di continuare così fino alla fine». Mister Vivarini commenta così l'ennesimo poker del Catanzaro, che sconfiggendo il Cerignola al "Ceravolo" per 4-0 va in fuga nel campionato di Lega Pro approfittando del pareggio del Crotone sul terreno del Monterosi. «È stata una gara combattuta.

Il Cerignola - ha detto l'allenatore del Catanzaro - è una squadra ben attrezzata, di alto livello e messa bene in campo e all’inizio c’è stato equilibrio. Non sabbiamo sottovalutato il Cerignola, abbiamo fatto la partita giusta e con attenzione ovviando anche alle condizioni del campo: noi puntiamo alla qualità e quindi noi abbiamo bisogno di un campo perfetto e e oggi abbiamo ovviato anche a questo. E la qualità l'abbiamo messa in pratica, trovando i varchi giusti in spazi ristrettissimi. Un grosso plauso e un grosso merito a questi ragazzi che stanno lavorando benissimo. È chiaro - ha osservato Vivarini - che la strada è lunga ma la strada è questa. Vediamo di continuare così fino alla fine». Per mister Vivarini «era la partita che ci voleva, con l'approccio determinato da parte di tutti. Abbiamo davanti una strada dura e dobbiamo avere la capacità di stare sul pezzo.

Abbiamo anche individualità e oggi sono venute fuori. Si raggiunge l'obiettivo se coniughiamo organizzazione tattica e individualità, avevo fatto appello a queste complimenti e le abbiamo attuato. Poi voglio sottolineare lo spettacolo che c'è sugli spalti, speriamo di far gioire i tifosi sempre come avvenuto contro il Cerignola. Ora - ha concluso l'allenatore del Catanzaro - bisogna continuare con questa ferocia e con questa umiltà».

contenuto-riservato-agli-abbonati

L'articolo integrale nel Settimanale di venerdì in formato digitale:

pagamento-abbonati

read

Contributi incassati nel 2022: euro 290.022,88. Indicazione resa ai sensi della lettera f) del comma 2 dell'articolo 5 del decreto legislativo 15 maggio 2017, n. 70.”