TRE DI TROPPO, la nuova commedia per tutta la famiglia diretta e interpretata da Fabio De Luigi con Virginia Raffaele

(Tempo di lettura: 1 - 2 minuti)

Marco( interpretato da Fabio De Luigi) e Giulia( interpretata da Virginia Raffaele) vivono la loro vita di coppia in modo armonioso e appassionale.

Entrambi sfoggiano una forma invidiabile e una mise sempre alla moda. Per loro il mondo si divide in due: l’ Inferno, abitato da genitori esasperati e soggiogati da piccoli pestiferi, e il Paradiso, dove uomini e donne liberi da sensi di colpa, si godono i piaceri della vita senza figli e fieri di vivere in appartamenti sempre in perfetto ordine. Loro sanno bene da che parte stare, ben distanti da quelle coppie di amici in perenne crisi coniugale e logorati dalla vita da genitori. Eppure, il destino è già all’ opera per sconvolgere le loro vite e sgretolare tutte le loro certezze: all’ improvviso e inspiegabilmente, si risvegliano con tre bambini di 10, 9 e 6 anni che li chiamano mamma e papà.

Liberarsene e tornare alla felice vita “ precedente” diventerà il loro unico obiettivo. Dopo “ Tiramisù” del 2016, Fabio De Luigi torna dietro la macchina da presa con il fil “ Tre di troppo” interpretato al fianco di Virginia Raffaele in un ruolo da protagonista. Sono loro la coppia di Childfree al centro di una commedia fantastica e surreale per tutta la famiglia, ma soprattutto per i genitori, quelli presenti, quelli futuri e quelli che non lo saranno mai. E’ un divertente gioco di coppie quello messo in scena dal comico romagnolo, che dimostra di sapersi mettere al servizio di una storia non sua e insieme di saperla adattare perfettamente alle proprie caratteristiche. Il risultato, grazie anche alla complice Virginia Raffaele, è la costruzione di gag divertenti, affidate al mestiere e alla presenza scenica dei due protagonisti, che mettono in scena il classico conflitto tra genitori felici e quanti siano meno invasi di senso materno/ paterno. Le difficoltà insite nel quotidiano delle due categorie contrapposte restano sullo sfondo della vicenda, a tratti travolgente, ma mai nascoste, a conferma della possibilità di fare satire intelligente anche nella comedy più accesa. Con la speranza che Kids’ Fan e ChildFree( come viene definito che sceglie di non avere bambini) riescano a vedere il buono della vita alla quale si sentono spesso superiori e a ridere delle rinunce che accettano ogni giorno, e soprattutto a rispettare chi non la pensa e chi non vuole vivere come loro.   

contenuto-riservato-agli-abbonati

L'articolo integrale nel Settimanale di venerdì in formato digitale:

pagamento-abbonati

read

Contributi incassati nel 2022: euro 290.022,88. Indicazione resa ai sensi della lettera f) del comma 2 dell'articolo 5 del decreto legislativo 15 maggio 2017, n. 70.”