L’Umg punta sulla Medicina Digitale

(Tempo di lettura: 1 - 2 minuti)

Si amplia l’offerta formativa dell’Università di Catanzaro: istituito un nuovo corso di dottorato che si fonda sullo sviluppo delle tecnologie biomediche

Il programma di didattica teorica è costituito da 27 insegnamenti e 21 seminari, ma è prevista anche un’attività di ricerca industriale

L’offerta formativa dell’Università Magna Grecia di Catanzaro si amplia. L’Ateneo catanzarese ha infatti istituito il corso di Dottorato in Medicina Digitale che ha come obiettivo lo sviluppo e l’acquisizione di nuove conoscenze integrate di medicina, biotecnologia, ingegneria informatica e biomedica necessarie per la medicina del futuro, dove le nuove applicazioni dell’intelligenza artificiale alle tecnologie biomediche avanzate rappresenteranno la base fondamentale per il miglioramento della salute umana. 

Il progetto formativo si rivolge a studenti laureati in medicina, biologia, biotecnologie, informatica ed ingegneria biomedica. In particolare, il corso di Dottorato in Medicina Digitale ha l’obiettivo di offrire ai dottorandi una formazione moderna nel campo della salute digitale che sia al tempo stesso teorica e pratica. Attraverso un programma di didattica teorica costituito da 27 insegnamenti e 21 seminari a scelta, i dottorandi saranno introdotti nella medicina digitale, che rappresenta la medicina del futuro. Parallelamente al corso teorico, gli studenti saranno introdotti e guidati nel mondo della ricerca industriale attraverso progetti di ricerca sperimentale di 3 anni, che si svolgeranno sotto la supervisione di un tutor specializzato. Ciascun progetto sarà completato da un periodo di formazione all’estero della durata di almeno 6 mesi in prestigiosi istituti di ricerca europei e americani. 

Il Dottorato ha un modello estremamente innovativo che prevede fin dall’inizio la selezione di un progetto di ricerca da parte di ciascun vincitore, che potrà così cercare di realizzare le proprie ambizioni. Ogni progetto ha un suo specifico tutor che seguirà il dottorando in tutto il periodo formativo teorico-pratico. Il Dottorato in Medina Digitale affronta attività teoriche e sperimentali suddivise in 4 grandi aree di ricerca: le basi molecolari e cellulari delle malattie croniche rare e non trasmissibili, la modellistica cellulare e tissutale per la ricerca pre-clinica e clinica, le tecnologie digitali per la diagnostica avanzata e l’ innovazione tecnologica per i “ medical devices”. Queste aree di ricerca sono organizzate in progetti scientifici ripartiti tra due diversi curricula. Ciascun vincitore potrà selezionare un solo progetto in uno dei due curricula secondo il suo interesse scientifico. 

contenuto-riservato-agli-abbonati

L'articolo integrale nel Settimanale di venerdì in formato digitale:

pagamento-abbonati

"Contributi incassati nel 2021: Euro 311.422,44. Indicazione resa ai sensi della lettera f) del comma 2 dell'articolo 5 del decreto legislativo 15 maggio 2017, n. 70"