Stop ai viaggi della speranza dei bambini

(Tempo di lettura: 2 - 3 minuti)

La Regione Calabria e l’ospedale pediatrico Bambino Gesù, Irccs della Santa Sede a Roma, hanno siglato un accordo alla presenza del ministro della Sanità Speranza

L’intesa, sottoscritta dal governatore Occhiuto e dalla Enoc, punta a potenziare la rete sul territorio e contenere l’emigrazione sanitaria

Un’emergenza nell’emergenza. L’emigrazione sanitaria è una zavorra che pesa sulle casse della Regione (e dei calabresi) per circa 300 milioni, e in questo ambito c’è un’emigrazione ancora più dolorosa, perché coinvolge i bambini e di conseguenza colpisce al cuore anche le famiglie. È un vulnus storico, quello dell’offerta sanitaria pediatrica in Calabria, diventato di stringente attualità. Per questo ora la Regione prova a sanarlo con l’accordo firmato  a Roma, presso il ministero della Salute e alla presenza del ministro Roberto Speranza, con l’Ospedale pediatrico Bambino Gesù, Ircss della Santa Sede a Roma. 

Potenziare la rete pediatrica regionale per migliorare la capacità di risposta sul territorio, recuperare la fiducia delle famiglie e contenere la migrazione sanitaria, limitandola alle patologie di elevata complessità: sono questi in particolare gli obiettivi dell’accordo, sottoscritto dal presidente della Regione, Roberto Occhiuto, e dalla presidente dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, Mariella Enoc. Nell’ultimo anno sono stati oltre 7500 i bambini calabresi a raggiungere il Bambino Gesù per cure mediche, ma solo il 15% di questi pazienti – poco più di 1000 – ha avuto fortunatamente bisogno di un ricovero. La stragrande maggioranza delle prestazioni (12.049 su 13.195) ha riguardato visite ambulatoriali, esami diagnostici o day hospital. Per la trasferta a Roma, il viaggio, il vitto, la permanenza, i giorni di lavoro persi, la stima della spesa per le famiglie ammonta complessivamente a circa 5 milioni di euro. Su questi dati vuole incidere l’accordo, che avrà durata triennale e prevede una serie di attività che verranno realizzate dall’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù in collaborazione con le strutture, gli specialisti e i pediatri della Regione Calabria.

«Dobbiamo lavorare per accrescere ogni giorno il livello di cura e assistenza in ogni angolo del Paese. Per questo il protocollo di collaborazione in ambito pediatrico firmato oggi tra Regione Calabria e Ospedale Bambino Gesù va nella direzione giusta», ha affermato il ministro Roberto Speranza. «La Calabria ha oggettive difficoltà, e stiamo lavorando per superarle, ma anche tante professionalità d’eccellenza. Con questo accordo mettiamo in rete i nostri operatori sanitari con quelli dell’Ospedale Bambino Gesù di Roma», ha sottolineato il presidente Roberto Occhiuto. «Siamo particolarmente contenti di questo progetto di collaborazione che premia il profilo altamente specialistico del Bambino Gesù, nell’ottica della condivisione del sapere e del servizio alle famiglie», ha commentato la presidente Mariella Enoc. 

contenuto-riservato-agli-abbonati

L'articolo integrale nel Settimanale di venerdì in formato digitale:

pagamento-abbonati

"Contributi incassati nel 2021: Euro 311.422,44. Indicazione resa ai sensi della lettera f) del comma 2 dell'articolo 5 del decreto legislativo 15 maggio 2017, n. 70"