1140x150-completo-di-qrcode

antincendio-calabriaverde-2023

(Tempo di lettura: 2 - 3 minuti)
Olimpus fuori portata, Cosenza ferma la rincorsa

Olimpus fuori portata, Cosenza ferma la rincorsa

Niente a fare contro la "corazzata" Olimpus Roma per la Pirossigeno Città di Cosenza,

che nell'ultimo turno del campionato di serie A di calcio a 5 deve alzare bandiera bianca per 7-1. Troppo forti gli avversari per sperare di strappare un risultato positivo, anche se i rossoblù hanno tenuto testa inizialmente ai romani passando anche in vantaggio: alla distanza però l'Olimpus ha ristabilito i valori.

La cronaca. Olimpus pericolosa dopo poco più di un minuto con la puntata di Dimas che rischia di sorprendere Del Ferraro. Corre l'undicesimo quando Titon prende palla a metà campo, fa partire il turbo scartando un paio di giocatori avversari e beffa l'estremo difensore laziale con un colpo da biliardo. Quinta rete stagionale per il pivot dei lupi e PalaCosentia in fiamme. Dura poco il vantaggio della Pirossigeno perché dopo appena tre minuti Fortino, con un tiro sporcato da una deviazione, fa 1-1. Gli ospiti, prima dell'intervallo, la ribaltano prima con Javi Roni, poi, approfittando della momentanea superiorità numerica per l'espulsione di Petry, realizzano anche la terza rete con Dimas. La Pirossigeno torna in campo mostrando da subito grande aggressività, con la chiara intenzione di accorciare le distanze. Alle prime sortite offensive è però il quintetto di mister D'Orto ad andare ancora a bersaglio: segnano Fortino (doppietta per il capocannoniere del campionato) e Marcelinho dal dischetto. I lupi si gettano nuovamente a capofitto in avanti ma Di Eugenio rende ancora più pesante la sconfitta della Pirossigeno, che comunque con grande orgoglio ci prova fino alla fine ad accorciare il divario di reti., incappando anche nella sfortuna sotto forma di traversa.

«I miei complimenti - commenta Leo Tuoto, allenatore del Cosenza - vanno all'Olimpus. Ha dimostrato di essere meritatamente in vetta alla classifica e di essere la squadra da battere. Ho visto comunque una buona Pirossigeno, che ha avuto la forza e la tenacia per giocarsela al meglio delle sue possibilità. Nel secondo tempo ci siamo scoperti per recuperare il passivo e in un attimo ci siamo ritrovati sotto di diverse reti. Abbiamo creato le nostre chances senza fare barricate. Partita importante per la nostra crescita, questi sette ceffoni presi ci rimettono con i piedi per terra. La vittoria precedente con la L84 – sostiene ancora mister Tuoto -non doveva e non deve trarre in inganno. Dobbiamo continuare a lavorare e tanto per essere solidi. Sono deluso per il risultato ma, ci

tengo a precisarlo, non per l'atteggiamento dei miei ragazzi. Pensiamo al futuro: Verona è un passaggio troppo importante per la nostra salvezza».

Vota questo articolo
(0 Voti)

Contributi incassati nel 2022: euro 290.022,88. Indicazione resa ai sensi della lettera f) del comma 2 dell'articolo 5 del decreto legislativo 15 maggio 2017, n. 70.”