1140x150-completo-di-qrcode

antincendio-calabriaverde-2023

(Tempo di lettura: 2 - 3 minuti)
Dal 30 marzo al 7 Aprile la Primavera è in festa all’antico Mulino delle Fate

Dal 30 marzo al 7 Aprile la Primavera è in festa all’antico Mulino delle Fate

Ricco e colorato cartellone di iniziative culturali all’Antico Mulino delle Fate di Lamezia Terme (Nicastro),

che riprende le sue attività per il periodo primaverile, annunciando le porte aperte alla “Fabrica nel Paesaggio” come definito dal prestigioso “Primo Premio Internazionale” promosso dalla Federazione Italiana delle Associazioni e Club per l’UNESCO.

Si inizia il giorno prima della domenica di Pasqua per continuare per tutta la settimana fino a domenica 7, nel segno, sempre, del recupero della memoria in modo semplice, chiaro, divulgativo, pedagogico e, perché no, gioioso e divertente, con eventi a tutte le ore, per tutte le età e sempre in maniera gratuita. Ecco, in estrema sintesi, il programma.

Da sabato 30 a domenica 7 aprile dunque visite guidate quotidiane al Bosco delle Fate e all’Antico Mulino, per gruppi e famiglie (su due turni: ore 10,00 ed ore 16,00), con prenotazione necessaria; garantita la disponibilità fino ad esaurimento posti.

Domenica 31 marzo, giorno della Santa Pasqua, alle ore 9:00 gli Amici dell’Antico Mulino delle Fate, con il suggerimento della Fata Gelsomina, faranno visita ai piccoli pazienti del reparto di Pediatria del Presidio Ospedaliero di Lamezia Terme, con l’evento “Incantesimi in Corsia”.

La Fata Gelsomina ha sentito il bisogno di trascorrere qualche ora con i più piccoli che non riusciranno a far visita al suo Regno proprio il giorno di Pasqua, e quindi è previsto il racconto della leggenda “Gelsomina e il Suo Regno l’Antico Mulino delle Fate”, accompagnati dalla donazione di giochi, gadget e il libro della Fata Gelsomina.

Nel pomeriggio della domenica di Pasqua a partire dalle ore 16:30, visto che secondo la leggenda “’U jùarnu i Pasqua, all'Anticu Mulinu di Fhati a fharina Crisci” (il giorno di Pasqua all’Antico Mulino delle fate la farina cresce di quantità misteriosa in quanto legate all’incantesimo della Fata Gelsomina), come lo scorso anno insieme a tutti gli amici, si rinnova l’appuntamento con la tradizione.

Si farà quindi visita alla chiesa della Veterana o “Chiesa delle Cucchijarelle”, per poi scendere all’Antico Mulino delle Fate e rivivere l’incantesimo di Fata Gelsomina con la degustazione di dolci pasquali della tradizione accompagnati da momenti musicali offerti dal Tenore Giancarlo Paola.


Lunedì 10 di Pasquetta, ancora visite guidate su due gruppi e dalle ore 17:30 primo evento per bambini con la “Caccia alle Uova nel Bosco delle Fate” e a seguire ore 18:30 “La Notte del Racconto”.


Martedì 2 aprile alle 11,00 evento gratuito per bambini, “Le Olimpiadi dei piccoli Esploratori”. Sempre martedì ma alle 17:45, nell’ambito del Festival delle Erranze e della Filoxenia, per la rassegna “La Calabria è un destino. Restare, tornare, approdare”, lo scrittore Francesco Bevilacqua dialogherà con il cantautore Santino Cardamone, con l’evento dal titolo “La Calabria con la chitarra… di Santino Cardamone” (evento gratuito).

Sabato 6 aprile alle 11: Impressioni Botaniche, giornata di pittura estemporanea nel Bosco delle Fate, evento gratuito per bambini e ragazzi. Sempre sabato alle 17,45, evento gratuito “Macinare Cultura”, dal titolo “Fascino Bizantino all’Antico Mulino, un viaggio entusiasmante, dal tessere delle fate del Reventino a quello degli uomini: magia, arte e passione, dialogo con gli artisti Manuelita Iacopetta e Bruno Bagalà, in collaborazione con l’associazione Samarcanda APS.

Domenica 7 aprile, ultimo giorno di eventi, chiusura della settimana mulino in festa con l’ultima visita guidata nel Bosco e all’Antico Mulino delle Fate.

Vota questo articolo
(0 Voti)

Contributi incassati nel 2022: euro 290.022,88. Indicazione resa ai sensi della lettera f) del comma 2 dell'articolo 5 del decreto legislativo 15 maggio 2017, n. 70.”