Applausi al Rendano per l' omaggio a Califano di Claudia Gerini

Applausi al Rendano per l' omaggio a Califano di Claudia Gerini

COSENZA - Lunghi applausi, sul palco del Teatro Rendano, sabato scorso, per il concerto- racconto “Qualche estate fa”, protagonista l'affascinante Claudia Gerini. Un altro grande successo targato “Rassegna L'AltroTeatro”.

Accompagnata dal Solis String Quartet, l'attrice romana ha ripercorso la storia artistica e umana di Franco Califano. “Qualche estate fa” prova a riportare in equilibrio le due dimensioni, facendo di alcune canzoni molto amate il punto di partenza per raccontare la vita del Califfo. “Tutto il resto è noia”, “Minuetto”, “La musica è finita” e “Un’estate fa” sono tra i brani più celebri, riarrangiati dal Solis String Quartet e intepretati dalla Gerini.

“La Rassegna L'AltroTeatro” è finanziata dalla Regione Calabria, quale evento storicizzato- sull'avviso pubblico per la selezione e finanziamento di interventi per la valorizzazione del sistema dei beni culturali, la qualificazione e il rafforzamento dell'offerta culturale- vede, inoltre, il supporto dell’Amministrazione comunale di Cosenza. Organizzato dalla società “L'AltroTeatro” guidata dal gruppo di operatori del mondo dello spettacolo locale: Enzo Noce, Giuseppe Citrigno e Gianluigi Fabiano. Sul palco del Teatro A. Rendano 19 appuntamenti all’insegna della grande drammaturgia senza dimenticare, però, il divertimento e il puro spettacolo. Prosa, dai grandi classici agli autori contemporanei e poi, commedie e musical, questi gli ingredienti del cartellone ideato da “L’AltroTeatro”.

“Qualche estate fa” nove quadri, nove donne diverse che hanno conosciuto l'uomo e l'artista Califano. Ogni quadro culmina con una canzone che riassume una tappa della sua vita e della sua carriera. La giovinezza; gli inizi della carriera; Sanremo; il successo e gli eccessi; fino agli ultimi giorni del Califfo. Il testo, scritto da Stefano Valanzuolo, è un piacevole escamotage per raccontare Califano attraverso gli occhi di chi l'ha amato con passione fino ad odiarlo. Volto e anima di questi personaggi è Claudia Gerini, unica voce recitante e cantante. Appassionata inteprete, accompagnata dal Solis String Quartet ripercorre le tappe della vita di uno degli artisti più discussi della musica italiana. Se va riconosciuto un merito allo spettacolo è quello di aver reso omaggio al talento e all'artista di brani indimenticabili.“Qualche estate fa” resituisce al pubblico un autore troppo spesso offuscato dalla sua “chiacchierata” vita privata. La regia dello spettacolo, prodotto da Imarts, è affidata a Massimiliano Vado, il soggetto e la sceneggiatura portano la firma di Stefano Valanzuolo. “Un labirinto di canzoni, vita vissuta, monologhi, scrittura, amicizie e aneddoti infiniti” racconta il regista. Claudia Gerini si destreggia bene tra canto e racconto. Una prova d'attore coraggiosa e di artista a tutto tondo. La Gerini si misura con “mostri sacri” come le interpreti dei suoi brani più amati. Da Mia Martini alla Vanoni passando per la Gabriella Ferri. Claudia è soprattutto efficace soprattutto nell'interpretare gli stornelli romani e le donne di “borgata” che il Califfo ha amato. Artista da “marciapiede”, Franco Califano, del suo essere la voce del popolo ne ha fatto sempre un manifesto. Tripoli, Milano e Amalfi, e soprattutto Roma, i fotoromanzi e il carcere, reality show e la poesia.
 Senza buonismi di maniera “Qualche state fa”, prova a restituire, in musica e parole, l’immagine di un artista che ha vissuto sempre rifiutando le convenzioni borghesi e la noia.

Vota questo articolo
(0 Voti)
Devi effettuare il login per inviare commenti

Ad2