1140x150-completo-di-qrcode

antincendio-calabriaverde-2023

(Tempo di lettura: 2 - 3 minuti)
Rende, controlli nelle zone della movida: denunciati 6 giovani

Rende, controlli nelle zone della movida: denunciati 6 giovani

Oltre 110 persone identificate, 6 denunciate, 64 veicoli

controllati e tre documenti di guida ritirati e 3 giovani segnalati alla per uso di stupefacenti. È il bilancio dei controlli effettuati dai Carabinieri del Comando Compagnia di Rende nelle principali piazze di aggregazione. Un’attività che si è concentrata soprattutto sulle aree della movida ove insistono i locali pubblici con maggior afflusso di giovani: bar, pub e ristoranti.

Diverse infatti le segnalazioni pervenute al 112 di disturbo alla quiete pubblica dovuti all’assembramento di adolescenti, talvolta intenti ad abusare di bevande alcoliche, causando, inevitabilmente, schiamazzi nonché difficoltà alla circolazione dei veicoli dei residenti. I Carabinieri sono intervenuti a Rende nelle zone di via Marconi, Arcavacata, via Rossini e Piazza Santo Sergio con il compito primario di arginare i comportamenti illegali. L’attività è stata coadiuvata anche dai reparti specializzati del Nucleo Ispettorato del Lavoro e del Nucleo Antisofisticazione e Sanità di Cosenza.


Nel corso dei controlli della circolazione stradale sono stati denunciati due soggetti per guida in stato di ebbrezza. Questi, fermati durante i posti di controllo mentre erano alla guida delle rispettive autovetture, sono stati sottoposti ad accertamento etilometrico il quale ha dato esito positivo tanto che il tasso alcolemico riscontrato era superiore ai limiti previsti dalla legge. Uno di questi, aveva anche causato un sinistro stradale. Per tali motivo sono state ritirate le patenti di guida mentre le autovetture sono state affidate a persone idonee alla guida.

I Carabinieri di Luzzi invece hanno segnalato alla Prefettura di Cosenza tre giovanissimi di età compresa tra i 18 e i 24 anni, per uso personale di sostanze stupefacenti. I militari infatti, hanno sequestrato complessivamente circa 3 grammi di “hashish”.

Tra le verifiche effettuate nel comune rendese, rientrano anche alcuni esercizi di ristorazione, ispezionati dai militari del NIL i quali, all’esito del controllo, in un caso hanno sorpreso ben due lavoratori irregolari in nero, superando il 10% del personale occupato in nero rispetto alla forza lavoro presente, per cui è stata applicata la sanzione pecuniaria di 7.800 euro e la sospensione dell’attività. Mentre il personale del NAS ha riscontrato la presenza di generi alimentari privi di qualsiasi etichettatura o elemento di tracciabilità, sottoposti a sequestro amministrativo ed applicando la corrispettiva sanzione di 1.500 euro.


In un altro locale invece, i Carabinieri del NIL oltre ad aver sorpreso un lavoratore irregolare in nero, per cui è stata applicata la sanzione pecuniaria complessiva di 8.900 euro e la sospensione dell’attività, è stata altresì riscontrata la mancata redazione del “DVR” inerente l’attività espletata. Lo stesso controllo è stato esperito anche nel Comune di Bisignano dove è stata elevata una sanzione di altri 6.400 euro per un lavoratore in nero e mancata redazione del DVR.

Proseguirà nei prossimi giorni, la campagna di intensificazione dei controlli disposta dalla Compagnia Carabinieri di Rende per un deciso richiamo alla responsabilità e al rispetto delle regole adottate a tutela dell’incolumità e della salute pubblica e volti ad assicurare e prevenire ogni fenomeno di illegalità.

Vota questo articolo
(0 Voti)

Contributi incassati nel 2022: euro 290.022,88. Indicazione resa ai sensi della lettera f) del comma 2 dell'articolo 5 del decreto legislativo 15 maggio 2017, n. 70.”