1140x150-completo-di-qrcode

antincendio-calabriaverde-2023

(Tempo di lettura: 1 - 2 minuti)
Morti spostati per far posto ai nuovi, 70 indagati

Morti spostati per far posto ai nuovi, 70 indagati

REGGIO CALABRIA - Oltre settanta persone indagate, sedici quelle finite in arresto mentre

è scattato anche il sequestro di un’area cimiteriale. Sono questi, in sintesi, i risultati dell’operazione “Aeternum”, un’inchiesta che ha fatto luce su delle presunte attività illecite che si sarebbero nascoste dietro la gestione del cimitero comunale di Cittanova.
Stamani il blitz, quando all’alba i carabinieri sono entrati in azione nelle province di Milano, Vicenza e Reggio Calabria: e proprio nella popolosa cittadina reggina i militari hanno eseguito la misura cautelare emessa dal Tribunale di Palmi su richiesta della Procura della Repubblica locale, coordinata e diretta dal Procuratore Emanuele Crescenti.
Tutto, come accennavamo, ruota sulla gestione del cimitero cittadino: secondo gli inquirenti nel camposanto avrebbe agito una presunta associazione che sarebbe stata capeggiata da quattro degli indagati di oggi, ossia l’ex custode che è oggi in pensione, e tre imprenditori locali, amministratori di due imprese di onoranze funebri.
Sempre in base alla tesi degli investigatori, i quattro, oggi tutti finiti in carcere, avrebbero creato un sistema di “gestione parallela” a quello dell’Ente locale, procedendo per anni ad estumulazioni non autorizzate, distruggendo o spostando in altri loculi le salme dei defunti per far posto a nuove sepolture.
I dettagli dell’operazione saranno resi noti in una conferenza che il Procuratore di Palmi terrà presso il Comando Provinciale dei Carabinieri alle 10:30 di questa mattina.

Vota questo articolo
(0 Voti)

 Contributi incassati nel 2023: Euro 290.022,88. lndicazione resa ai sensi della lettera f) del comma 2 dell'articolo 5 del decreto legislativo 15 maggio 2017, n. 70