Vacantiandu: gli alunni dell’Istituto Comprensivo S. Eufemia in scena con ‘’Romeo e Giulietta’’ per ricordare Antonio Federico

Vacantiandu: gli alunni dell’Istituto Comprensivo S. Eufemia in scena con ‘’Romeo e Giulietta’’ per ricordare Antonio Federico

LAMEZIA TERME - Grande successo per lo spettacolo teatrale “Romeo e Giulietta”di William Shakespeare andato in scena al Teatro S. Eufemia, in ricordo del piccolo Antonio Federico, prematuramente scomparso qualche anno fa.

Una rilettura contemporanea del capolavoro shakespeariano realizzato dall’attore/regista Pierpaolo Bonaccurso che ha coinvolto gli alunni della Scuola secondaria di primo grado dell’Istituto Comprensivo S. Eufemia di Lamezia Terme.
Una messinscena fresca e spumeggiante, con una scenografia agile e modulabile, che ha impegnato i protagonisti in un rutilante scambio di ruoli tra balli, canti e prove di memoria in rima che hanno reso lo spettacolo divertente e godibile con un colpo di scena finale.
Due mesi di intenso lavoro per i 14 ragazzi coinvolti nel progetto: Lorenzo Belvedere, Erica Bonaddio, Adrine Cristiano,Alla Ennaui, InessGuitt, Maria Chiara Mauro, Gioele Mazzocca, Lucrezia Mura, Domenico Muraca, Letizia Muraca, Federica Napolitano, Michelle Persico, Claudia Sacilotti e Fabiola Trunzo che hanno seguito il laboratorio coadiuvati dalla tutor professoressa Francesca Scarpino e da Angela Gaetano, responsabile organizzativa dei laboratori teatrali dell’Associazione teatrale “I Vacantusi”.
Il progetto è stato accolto con molto entusiasmo fin dall’inizio perché gli studenti ne hanno condiviso subito lo spirito: mantenere vivo il ricordo di Antonio Federico che amava molto il teatro. Infatti, la famiglia Federico, in collaborazione con l’Associazione teatrale “I Vacantusi”, da sempre sostiene e promuove questa iniziativa dando la possibilità a tanti ragazzi di avvicinarsi al mondo dell’arte scenica.
Il laboratorio è parte integrante della sezione VacantLab del progetto a validità triennale Vacantiandu con la direzione artistica di Diego Ruiz e Nico Morelli e la direzione amministrativa di Walter Vasta, finanziato dalla Regione Calabria con Fondi PAC.
Al termine dello spettacolo Nico Morelli e Walter Vasta hanno consegnato la tradizionale maschera di ceramica, simbolo della rassegna Vacantiandu, al regista Pierpaolo Bonaccursoe all’avv. PaoloMascaro, già sindaco della Città di Lamezia Terme,per la sua vicinanza nel sostenere questo importante progetto che coinvolge le scuole del territorio lametino. Mentre le targhe con il simbolo dell’Infinito, legato al nome del piccolo Antonio, sono state consegnato da Pippo Federico alla professoressa Francesca Scarpino e alla dirigente scolastica Fiorella Careri dell’Istituto Comprensivo S. Eufemia per la sensibilità e la disponibilità che hanno sempre dimostrato nell’accogliere e realizzare l’iniziativa e all’avv. Paolo Mascaro, in segno di stima e di affetto per aver sempre condiviso e sostenuto il Premio dedicato al ricordo di Antonio.

Vota questo articolo
(0 Voti)
Devi effettuare il login per inviare commenti

Ad2