Tutto pronto per la sagra della Castagna a Cardeto (RC)

Tutto pronto per la sagra della Castagna a Cardeto (RC)

Domenica 27 ottobre, a Cardeto (RC), si terrà l’ormai tanto attesa quanto apprezzata, Sagra della Castagna.

Un appuntamento giunto alla sua XX edizione, che di anno in anno, puntualmente, regala, ai numerosissimi partecipanti, soddisfazioni per il palato, immersi in un contesto territoriale e paesaggistico originale e caratteristico. “Di fatto, la sagra, ha, nel suo intento, non solo la degustazione di un prodotto, ma, soprattutto, la valorizzazione dello stesso e del territorio ove questi viene prodotto.
Un obiettivo, di certo, non facile, specie se eventi di tale portata sono realizzati da semplici cittadini, senza chissà quali risorse economiche, ma con la determinazione e la voglia di preservare e tutelare una tradizione quasi ventennale che, da sempre, ha rappresentato una vetrina per Cardeto, i suoi abitanti, le sue peculiarità e le sue risorse. “Grazie ad un crowdfunding collettivo e dal basso”, dichiara il Consigliere Comunale Pietro Fallanca, “siamo riusciti a raccogliere le risorse necessarie per la realizzazione di tale evento. Un grazie speciale va a tutti coloro i quali hanno, fin da subito, abbracciato il nostro progetto condividendo e finanziando le nostre intenzioni e la nostra voglia di non arrenderci di fronte alle contingenze e alle difficoltà”.

Tantissimi saranno gli spazi predisposti per la degustazione dei prodotti della tradizione gastronomica locale. Spazio all’associazione Zampognari di Cardeto, ma anche ai produttori locali, agricoltori, allevatori e artigiani, come le massaie di Cardeto con il tipico e particolare sapone casalingo la cui produzione vanta una storia di certo non recente, ai panini con la salsiccia di Cardeto ed alle tradizionali frittole”. Un ringraziamento particolare a tutti i volontari e ai dipendenti comunali che saranno impegnati negli stand, il cui contributo è di fondamentale importanza. Inoltre, al Sindaco Daniela Arfuso, va la nostra gratitudine per non aver fatto mancare il supporto delle istituzioni ad un evento così importante per la nostra comunità”. Nonostante le difficoltà oggettive del nostro territorio, anche quest’anno, abbiamo voluto impegnarci e metterci in gioco in un momento in cui nulla sembrava potersi realizzare. Da quest’ultima esperienza di gruppo ripartiamo consapevoli che tanto altro ancora è possibile fare per il nostro territorio”, conclude il Consigliere Fallanca.

Una serata all’insegna del sorriso e dell’allegria resa possibile grazie alla tenacia e alla perseveranza delle tre associazioni lametine che, pur nella diversità delle loro storie e dei loro percorsi artistici, hanno fortemente cercato, e trovato, una forma di collaborazione per addivenire ad un obiettivo comune: continuare ad offrire alla città di Lamezia Terme spettacoli dal vivo nell’ottica di una tradizione teatrale ormai consolidata e che ha sempre visto un pubblico attento ed esigente. Un pubblico per il quale il teatro è una scelta di “benessere” sociale, come è stato dimostrato dall’elevato numero di presenze nelle precorse stagioni, a testimonianza di un bisogno di incontrarsi, ritrovarsi, sentirsi una “comunità” anche nella condivisione di una esperienza “emozionale” quale può essere quella del teatro.

Vota questo articolo
(0 Voti)
Devi effettuare il login per inviare commenti

Ad2