(Tempo di lettura: 1 - 2 minuti)
Ordinanze, Dpcm, consigli degli scienziati: la Santelli festeggia con una bella tarantella

Ordinanze, Dpcm, consigli degli scienziati: la Santelli festeggia con una bella tarantella

Genialità, coerenza, serietà.

Jole Santelli deve ballare, ha il ritmo nel sangue. Che poi ci siano delle ordinanze, sue oltretutto, cosa ci importa? Dopo le elezioni bisogna saltellare tutti insieme a suon di Tarantella, che poi ci siano delle norme di prevenzione, la mascherina la mettiamo domani.
Oggi si festeggia.
Così, per festeggiare la vittoria della sua pupilla, Rosaria Succurro, eletta sindaco di San Giovanni in Fiore, la governatrice ha animato la festa scatenandosi al ritmo della taranta in un locale pieno di persone (circa 150). Con loro, a festeggiare, anche il sindaco di Cosenza Mario Occhiuto.
Tutti senza mascherina e senza distanziamento, le stesse persone che puntano il dito, che parlano, che consigliano e che predicano come fossero puri e casti.
Che poi, in un mondo dove tutto diventa condivisione sui Social. Geniale.
Tra un passo di tarantella e l'altro, Palazzo Chigi annunciava le nuove misure per fronteggiare la seconda ondata della pandemia, tra cui l’obbligo della mascherina anche all’aperto, oltre a una stretta su feste e cerimonie.
Un filmato che dovrebbe interessare la Procura, la Polizia municipale, l’Asp, il Dipartimento regionale della salute, insomma qualunque autorità abbia responsabilità di prevenzione e repressione in materia di rischio epidemiologico.

Le prime norme violate sono proprio quelle contenute nell’ultima ordinanza che porta la firma della stessa presidente Santelli, emessa il 25 settembre scorso, nella quale si prevede «l’obbligo, su tutto il territorio regionale, di indossare correttamente la mascherina o altra idonea protezione a copertura di naso e bocca, oltre che in tutti i luoghi chiusi accessibili al pubblico e sui mezzi di trasporto pubblico, anche in tutti i luoghi all’aperto, per tutto l’arco della giornata, a prescindere dalla distanza interpersonale». Altro che Dpcm Conte, che almeno non prevede l’uso della mascherina in auto e in moto, a patto di essere soli a bordo.
Le sanzioni per chi non rispetta le disposizioni? Una multa da 400 a 1.000 euro, tutto puntualmente indicato nella stessa ordinanza.

Ma balliamo la tarantella e facciamoci fare anche un bel video, perchè no?

Ultima modifica il Venerdì, 09 Ottobre 2020 11:08
Vota questo articolo
(0 Voti)