1140x150-completo-di-qrcode

antincendio-calabriaverde-2023

(Tempo di lettura: 1 - 2 minuti)

Movida catanzarese: parla il COMITATO NO MORTORIO CZ

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO DALLA

PAGINA "COMITATO NO MORTORIO CZ" SU FACEBOOK:

 

SEGNALIAMO:
Ieri sera, nel quartiere Lido di Catanzaro, nel mezzo del SILENT PARTY (un piccolo evento in cui la musica viene trasmessa attraverso delle cuffie), verso le 2/2:30, alcune pattuglie dei Carabinieri hanno interrotto la serata a causa di alcune denunce provenienti da IGNOTI, nate da vocii e schiamazzi provenienti dalla folla presente nel quartiere.
Dopo aver richiesto, ai proprietari dei locali interessati, l'immediata chiusura del Party, organizzato proprio in questa "formula" per garantire il così tanto richiesto "quieto vivere", parallelo al divertimento dei giovani universitari che risiedono a Catanzaro Lido, la musica (nelle cuffie, quindi completamente assente nell'ambiente) è stata spenta, la festa è finita e, ovviamente, i locali hanno terminato di lavorare.

Ora, riuscire ad esprimersi riguardo una situazione del genere, viene difficile un pò a tutti, quello che echeggia è, senza ombra di dubbio, un forte senso di sdegno e accanimento gratuito nei confronti delle attività, del divertimento, dei giovani, della movida e delle iniziative che il nostro territorio ci offre continuamente.
Questa "battaglia", sulle basi del "GIOCO DEL SILENZIO" è diventata completamente priva di fondamenta e, cosa ancora più importante, inizia a creare disagio nel confronti del lavoro di tutti gli imprenditori presenti sul territorio. Si combatte contro i propri interessi, ed è questa la cosa che più di tutte preoccupa.

Quello che è successo ieri è stato un esempio di rara esagerazione, alle soglie del ridicolo e del "normale", per questo motivo il‪#‎COMITATONOMORTORIOCZ‬ inizierà a muoversi con una raccolta firme, andremo tra i giovani a farci raccontare la propria opinione.

#COMITATONOMORTORIOCZ NON SI FERMA!

Vota questo articolo
(0 Voti)

Contributi incassati nel 2022: euro 290.022,88. Indicazione resa ai sensi della lettera f) del comma 2 dell'articolo 5 del decreto legislativo 15 maggio 2017, n. 70.”