Confiscati beni ad imprenditore nel crotonese

Confiscati beni ad imprenditore nel crotonese

CROTONE - Beni immobili e disponibilità finanziarie per un valore di oltre 10 milioni di euro sono stati confiscati dai finanzieri del Comando provinciale di Crotone a carico di Natale Garofalo, imprenditore ritenuto dagli investigatori in affari con la 'ndrangheta crotonese.


L'operazione è stata denominata "Lea", in ricordo di Lea Garofalo, la testimone di giustizia uccisa dalla 'ndrangheta nel 2009 e le cui dichiarazioni sono state utilizzate anche nell'indagine che ha portato alla confisca. Il provvedimento, emesso dal Tribunale di Catanzaro - Sezione misure di prevenzione su richiesta della Dda catanzarese - ha riguardato quattro aziende operanti nel settore edile, situate a Petilia Policastro e Crotone, un immobile nel milanese, sede amministrativa di un'attività economica pure confiscata, oltre a rapporti bancari, cassette di sicurezza, titoli, libretti di risparmio, buoni fruttiferi intestati all'imprenditore ed alla moglie Maria Cardamone.

Vota questo articolo
(0 Voti)
Devi effettuare il login per inviare commenti

Ad2