YouPol a Crotone, l’app della Polizia per segnalare casi di bullismo

YouPol a Crotone, l’app della Polizia per segnalare casi di bullismo

CROTONE - YouPol: questo il nome dell’applicazione della Polizia di Stato, attivo da oggi ed illustrato stamattina alle 11 nella questura di Crotone, dal dirigente della squadra Volanti, Corrado Caruso e dall’ispettore responsabile della sala operativa, Mario Fragale.
Come è stato spiegato, si tratta di un’App della Polizia di Stato, scaricabile direttamente sullo smartphone da Apple Store e Play Store, che consente di inviare segnalazioni alla sala operativa della Questura, anche in via anonima, per segnalare episodi di bullismo o traffico di stupefacenti.

Oltre alla forma anonima, naturalmente, si può segnalare questa tipologia di reati anche con nome e cognome, ed in questo caso il segnalatore verrà coinvolto nelle successive fasi di accertamento da parte della Polizia.
“Testiamo il senso civico dei ragazzi – ha detto il dirigente Caruso - e ci aspettiamo buoni riscontri, così come, per altro, è già avvenuto nelle tre questure pilota (Milano, Roma e Catania) che hanno sperimentato il servizio”.
Proseguendo, poi, Caruso ha sottolineato come, “con questo strumento abbiamo cercato di adeguare il sistema di sicurezza al linguaggio moderno, nell’ambito di un concetto di sicurezza partecipata. Per noi, importante è la segnalazione, magari con una foto, che consente alle squadre volanti di arrivare subito sul posto dopo aver fatto i dovuti accertamenti. Questo però, non sostituisce il metodo principale della segnalazione, che resta la chiamata al 113”.
E’ toccato, poi, all’ispettore Fragale entrare nel merito dell’applicazione, che ha le stesse funzionalità di Watsup, consentendo, cioè, di verificare la recezione del messaggio da parte della squadra operativa della questura e la presa in carico.
E’ stato annunciato, poi, un tour nelle scuole per illustrare il funzionamento dell’applicazione che, come confermato dalla sperimentazione, si rivolge soprattutto ad un pubblico giovane, che è quello che più utilizza questi strumenti.

Vota questo articolo
(0 Voti)
Devi effettuare il login per inviare commenti

Ad2