'Ndrangheta: Operazione "Grande Drago", i dettagli

Gli arresti eseguiti stamani all’alba, nelle province di Piacenza, Cremona, e Crotone,

dai carabinieri del Nucleo Investigativo di Piacenza, insieme ai colleghi di Fiorenzuola e a quelli di Crotone, sono la conclusione della operazione ‘Grande Drago’ che nel novembre 2002 disarticolò un’associazione a delinquere di stampo mafioso, con particolare riferimento alla cosca Grande Aracri di Cutro. Gli indagati erano accusati di essere responsabili di estorsioni, detenzione porto illegale armi comuni da sparo e da guerra, detenzione e vendita stupefacenti. Stamattina i carabinieri hanno eseguito cinque ordinanze di custodia – e non sei come precedentemente comunicato – nei confronti di altrettanti affiliati alla cosca, dopo che le condanne inflitte dal Tribunale di Piacenza e poi dalla Corte d’Appello di Bologna, sono diventate definitive in Cassazione. Così Francesco Lamanna 53 anni di Cutro e residente Cremona è stato condannato a 8 mesi; Antonio Villirillo, 57 anni di Cutro e residente a Monticelli d’Ongina (Piacenza), è stato condannato a 2 anni e 2 mesi di reclusione; Gennaro Pascale, 55 anni di Cutro e residente a Monticelli d’Ongina è stato condannato a 3 anni e un mese; Gianluca Amato, 41enne di Villarosa (Enna) e anche lui residente Monticelli d’Ongina è stato condannato a 2 anni di reclusione; Alfonso Mesoraca, 48enne di Cutro e sempre residente a Monticelli d’Ongina, è stato condannato a 3 anni e 2mesi di reclusione. Gli arrestati sono ora in carcere tra Piacenza, Cremona e Crotone. Grande Drago “fu la prima operazione coordinata dalla Dda di Bologna – ha sottolineato il colonnello dei carabinieri Luca Pietranera – che dimostrò le infiltrazioni delle cosche nell’Emilia”.

 

 

 

 

 

 

Ansa

Vota questo articolo
(0 Voti)
Devi effettuare il login per inviare commenti

Ad2