Time: 8:37

Magno: "Rinnovare i contratti a OOS, infermieri e stabilizzare i precari”

“La situazione negli ospedali di Lamezia Terme e Soveria Mannelli è particolarmente critica.

Il personale sanitario è numericamente esiguo rispetto alle reali esigenze dei due nosocomi”. E’ quanto sostiene il consigliere regionale Mario Magno il quale, in un’interrogazione a risposta scritta, chiede “quali azioni il Presidente della Giunta Regionale e il Direttore Generale dell’Asp di Catanzaro intendano intraprendere per procedere al rinnovo dei contratti del personale OOS e infermieristico negli ospedali di Lamezia Terme e Soveria Mannelli e quali misure gli stessi ritengano di adottare per procedere alla stabilizzazione del personale precario avente diritto, sia del comparto che della dirigenza”.
“Numerose, infatti, sono le difficoltà – aggiunge il consigliere regionale – che si sono verificate all’interno delle UU.OO. ospedaliere e dei servizi territoriali dell’ASP di Catanzaro a causa del mancato rinnovo dei contratti di lavoro del personale OSS e infermieristico. Turni di lavoro massacranti hanno determinato gravi disservizi, costringendo il personale esistente, qualificato ma numericamente sottodimensionato, a lavorare in condizioni stressanti e senza la dovuta serenità, pregiudicando l’attività assistenziale dei degenti. Tale situazione è destinata ad aggravarsi nella stagione estiva, ormai in corso, a causa dell’aumento della popolazione per la presenza dei turisti e del conseguente incremento delle situazioni di emergenza nei nosocomi e nei servizi territoriali”. “Recentemente nell’Asp di Catanzaro non sono stati rinnovati – sottolinea ancora Mario Magno - i contratti a 16 unità di OSS assunti con contratto par-time in scadenza al 30.05.2017, mentre il 30.06.2017 hanno cessato il loro incarico altre 4 unità di OSS part-time e 14 infermieri a tempo determinato, creando ulteriori situazioni di disagio e disservizi in un settore particolarmente delicato come quello dell’assistenza sanitaria”.
“E’ incomprensibile che fino ad oggi – conclude Magno - nulla è stato fatto per la stabilizzazione del personale sanitario precario, appartenente sia al comparto che alla dirigenza. Malgrado la pubblicazione, da oltre un anno, di un bando finalizzato a tale scopo e la costituzione della Commissione da oltre tre mesi, l’Asp di Catanzaro risulta l’unica azienda Calabrese a non aver stabilizzato i propri lavoratori. Urge un intervento immediato del Presidente Oliverio e del Direttore generale dell’Azienda sanitaria di Catanzaro Giuseppe Perri”.

Vota questo articolo
(0 Voti)
Devi effettuare il login per inviare commenti

Condividi su

FacebookMySpaceTwitterDiggDeliciousStumbleuponGoogle BookmarksRedditNewsvineTechnoratiLinkedinRSS Feed

newsmap

 LE NOTIZIE PIU' CLICCATE NELLA RETE

logo Aste per web

LOGO BOCCACCIO2

(c) 2012- 2016 il Tiraccio - VOCE AI GIOVANI | Reg. Trib. Castrovillari n. 44 del 30/11/1977
Direttore Responsabile Claudia De Fazio
Editore: Gesc soc coop, seconda traversa Milano 5, 88100 Catanzaro.  R.E.A. 177499  P.I. 02783800796 

Questo sito è conforme alla direttiva 2002/58/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 12 luglio 2002, relativa al trattamento dei dati personali e alla tutela della vita privata nel settore delle comunicazioni elettroniche

WEBSITE: MEDIA24 works