3E Film Festival Ecologia, Economia, Energia

3E Film Festival Ecologia, Economia, Energia

Si è chiuso con la serata dedicata all' Energia il 3E FILM FESTIVAL che si è tenuto a Strongoli il 27, 28 e 29 Luglio.



Il Festival dedicato alle 3 E, Ecologia, Economia, Energia, si è dimostrato un evento di altissimo valore, un importante contenitore di idee, esperienze, progetti, professionalità, cultura e arte, che ha visto l’intervento di un gran numero di partecipanti.
Esperti, artisti, giornalisti, attori, scrittori, registi, politici, imprenditori, professionisti, attivisti, studenti, si sono confrontati in interessanti dibattiti e tutti hanno contribuito a trasmettere quel messaggio e quei valori ispiratori del Festival: la necessità di un cambiamento verso stili di vita più sostenibili e responsabili e verso un processo finalizzato alla salvaguardia e valorizzazione delle incomparabili risorse del territorio.

La prima è stata una serata ricca di emozioni, dedicata all'ecologia e moderata da Nino Dascola, durante la quale il numeroso pubblico ha potuto assistere alla proiezione di fantastici filmati, “Aléteia”, il mediometraggio di Enrico Le Pera prodotto per l'occasione dalla 3Efilmfestival e che ha visto la partecipazione de Il Parto della Nuvole Pesanti, “Une Parisienne à Strongolì”, corto di Carla Vestroni, e "Cosa fare allora qui?", di Neaitos.

La seconda serata, tutta dedicata all'economia, ha visto come protagonisti i Nuovi Agricoltori, giovani agricoltori provenienti da molte regioni d'Italia che hanno fatto dell'agricoltura consapevole, biologica ed ecosostenibile una scelta di vita etica e responsabile e che hanno saputo trasmettere dal palco tutto il loro entusiasmo e la loro passione moderati da un carismatico Ignazio Schettini.
Durante la serata dedicata all’economia si è potuto ascoltare l’autorevole intervento di Angelo Consoli, direttore dell'ufficio Europeo di Jeremy Rifkin a Bruxelles e consigliere in questioni energetiche e ambientali di molti leader europei fra i quali Merkel, Zapatero, Papandreu, Barroso, Prodi, Socrates.

Anche la terza serata, dedicata all’energia, ha visto una grande affluenza di pubblico nonostante i temi trattati fossero più tecnici e specialistici rispetto a quelli delle prime due.

Ad aprire la serata i saluti di Lorenzo Berna, realizzatore del 3E Film Festival, il quale ha presentato
la proiezione del corto “The 4th Revolution, Energy Autonomy”, di Carl-A. Fechner, con la partecipazione di Bianca Jagger.
Il sole, il vento, l’acqua e la geotermia sono tutte risorse naturali accessibili a tutti in tutto il mondo senza alcuna discriminazione. E sono rinnovabili, gratuite e disponibili nel lungo periodo. Solo una conoscenza diffusa delle possibilità delle energie rinnovabili può innescare un movimento internazionale verso l’assolutamente necessaria transizione energetica.

A commento del filmato, è seguito un emozionante intervento di Lucinda Jones, ideatrice del 3E festival di Vancouver, che ha trasmesso all’intera platea il suo forte messaggio di augurio per un impegno sempre maggiore nella transizione verso un nuovo modo di vivere e rispettare il pianeta. “Se non io, chi? Se non ora, quando? Sono sinceramente convinta che lo stato di essere umani e di utilizzare i doni di questo pianeta, le nostre risorse, non debba per forza essere un processo di orrenda degradazione”, ha detto Lucinda, visibilmente commossa, “E’ di gran lunga molto più divertente partecipare al movimento positivo di rinnovamento che restare ai margini del dubbio e delle possibilità dell’animo umano. Spero che godiate appieno del viaggio di calpestare lievemente il pianeta”.

E’ salita poi sul palco Alessandra Carbone, ricercatrice del CNR-ITAE Istituto di Tecnologie Avanzate per l’Energia di Messina, per parlare di tecnologie innovative: la produzione decentralizzata di energia pulita e il risparmio energetico. La ricercatrice ha presentato e commentato filmati specialistici su celle a combustibile, microturbine eoliche, pannelli e tegole solari, microturbine da acquedotto, batterie di nuova generazione, microturbine a gas e altri impianti delocalizzati di energia pulita.


Sono stati ancora in programma video e dibattiti sul tema “Biodigestori da rifiuto urbano, la filiera del biometano”, la CO2 da problema a risorsa: opportunità di sviluppo per un’Economia Circolare e Sostenibile, con relatore Francesco Guzzo, responsabile del settore Ambiente e Infrastrutture presso GreenDEC Project Solutions s.r.l.s.

La serata è proseguita con video e dibattiti sul tema “I dieci passi verso rifiuti zero”, introduzione delle best practice per una corretta e sostenibile gestione del recupero delle materie prime seconde in un’ottica di Economia Circolare che ha visto come relatore Pasqualino Allegro, membro del Direttivo CNA di Catanzaro e referente per la Regione Calabria e Membro del Direttivo Nazionale di ZERO WASTE ITALY.

Infine il dibattito “Pensare Globale agire Locale”, attivismo bottom up, iniziative ed azioni locali volte ad una sensibilizzazione capillare del territorio, dalla piccola comunità di quartiere al più ampio mondo delle istituzioni.
E’ stato proiettato il documentario “Rossano Ercolini incontra la Città di Lamezia Terme” e sono intervenute come relatori Dina Caligiuri e Morena Staglianò dell’associazione di volontariato Lamezia Rifiuti Zero, aderente al programma di Zero Waste Italy, attiva nel promuovere azioni di sensibilizzazione sociale sul tema dei rifiuti, dalla prevenzione al riuso, al riciclo e oltre.

La serata si è infine conclusa con l’evento più atteso dalla platea: la proiezione di foto e filmati dei bambini di Strongoli e la loro premiazione. I piccoli fotografi hanno dimostrato di avere un occhio attento e preciso nel cogliere le bellezze del loro territorio, le loro foto erano incantevoli, il nostro augurio è quello di saper preservare questo meraviglioso patrimonio con nuova volontà, consapevolezza e orgoglio di appartenere a un ecosistema che ha bisogno e che merita protezione e restauro.

Vota questo articolo
(0 Voti)
Devi effettuare il login per inviare commenti

Ad2