Direzione Desk 1

Direzione Desk 1

Martedì, 18 Aprile 2017 12:58

UNA ZONA DA PROTEGGERE

La SS 106 tra Copanello e Catanzaro Lido costeggia a sinistra, in località Roccelletta un parco millenario, il parco archeologico Scolacium.

Martedì, 18 Aprile 2017 12:57

VIVIAMO IN UNA CARTOLINA STORICA

Tra il 2000 e il 2004 durante i lavori per il restauro e rifacimento della parte sud orientale della Piazza Italia a Reggio Calabria

Martedì, 18 Aprile 2017 12:56

WEEKEND INSIEME

Soverato 05 Novembre 2016 - Presso l'istituto Maria Ausiliatrice e l'Istituto dei Salesiani di Soverato

Martedì, 18 Aprile 2017 12:55

LA PREVENZIONE TI SALVA LA VITA

"Meningite: in Calabria corsa vaccinazioni." E' questo il titolo di un articolo pubblicato dall'ANSA lo scorso 3 Gennaio.

Martedì, 18 Aprile 2017 12:54

Il FAI: un puzzle di cultura

Sono stati ormai raccolti gli striscioni e conservate le chiavi dei siti archeologici: da poco più di una settimana, le giornate FAI di Primavera hanno chiuso il loro sipario di fronte ad un vasto pubblico, grato del tuffo nella bellezza che gli apprendisti ciceroni gli hanno permesso di intraprendere. Sono state molteplici le postazioni FAI aperte in tale occasione nella nostra regione, tra le quali Catanzaro e Soverato. Il motore di quest'ultima macchina culturale sono stati gli allievi delle classi III E e IV E del Liceo Scientifico "Antonio Guarasci", coordinati dalla professoressa Ornella Ieropoli. Le Giornate di Primavera hanno aperto le loro porte sabato 25 Marzo e si sono concluse domenica 26, regalando agli apprendisti ciceroni un'ulteriore esperienza costruttiva e ai visitatori la possibilità di ammirare il patrimonio artistico e paesaggistico presente nel nostro territorio. L'evento di Soverato ha avuto come protagonisti i seguenti siti: il comune di Soverato, dentro al quale il pubblico ha fatto un viaggio virtuale tra i ruderi dell'antica città; Piazza Matteotti, che è stata la testimone della storia del paese; la Chiesa del Rosario; il giardino botanico, che conserva una flora variopinta; la Chiesa dell'Addolorata e la Pietà di Antonello Gagini, grazie alla quale è stato anche possibile fare un excursus sul Convento di Petrizzi, in cui originariamente si trovava tale gruppo marmoreo.
Il FAI, che ormai da molti anni si assume l'importante missione di riportare alla luce le bellezze dimenticate e di far evolvere il nostro paese dal punto di vista culturale e sociale, non è soltanto un'associazione, bensì la passione, il coraggio e l'intraprendenza di tutti i volontari che ne fanno parte: ogni persona che indossa il suo cartellino distintivo è un tassello dell'enorme puzzle che ha come risultato finale la cultura. E chi meglio dei ragazzi, che sono il futuro dell'intera società, può assumersi questo difficile compito? Se l'innovazione parte proprio dalle giovani menti, allora la possibilità di raggiungere con successo il traguardo è maggiore. Bene, il FAI è questo: l'incoraggiamento, ai ragazzi e non, a risvegliare la bellezza, in letargo da molto tempo. Gli apprendisti ciceroni, seppur molto giovani, possiedono nel loro bagaglio culturale un mazzo di chiavi, corrispondenti ai siti artistici che hanno avuto il privilegio di conoscere.

Melania Misdea

Martedì, 18 Aprile 2017 12:53

Dai Crotone, puoi farcela!

È quasi giunto al termine il Campionato di Serie A 2016-2017.

Martedì, 18 Aprile 2017 12:52

Valorizziamo il passato

Belmonte Calabro è un piccolo borgo della provincia di Cosenza. Il paese sorge su una terrazza naturale a 220 metri

Martedì, 18 Aprile 2017 12:51

Un cognome pesante più di un macigno

Il nome di Maria Rita Lo Giudice riecheggia da diversi giorni, purtroppo per un evento spiacevole.

Martedì, 18 Aprile 2017 12:49

PRONTO A RACCONTARCI UNA STORIA

Il 28 e 29 Novembre l’appuntamento con le Mattinate d’Autunno del Fai (Fondo Ambiente Italiano) si rinnova.

Martedì, 18 Aprile 2017 12:48

Al CIAC la personale di Hermann Nitsch


Fino al 9 luglio il CIAC Centro Italiano Arte Contemporanea di Foligno ospita la mostra Hermann Nitsch O.M.T Orgien Mysterien Theatre (Teatro delle Orge e dei Misteri) – Colore dal Rito,

Ad2