Stampa questa pagina

UN BOTTO E L’ASCENSORE DECOLLA, FAMIGLIA SALVA PER MIRACOLO

Vivere o morire, anche in ospedale che è il luogo che dovrebbe allungare la tua vita,

da un momento all’altro la puoi perdere, ma in questo caso si è sfiorata la tragedia non per un caso di mala sanità, ma per un semplice ascensore. Nell’ ospedale “ San Giovanni di Dio” di Crotone capita di tutto, una barella mancante, scarso personale, file infinite al pronto soccorso ma non era mai accadute che un ascensore decollasse. Nell’ospedale di Crotone, una famiglia di Botricello si è ritrovata la morte in faccia. Tra domenica 26 e lunedì 27, poco dopo mezzanotte padre, madre, figlio e zia escono dal reparto di ostetricia, dove poco prima una loro parente ha dato alla luce una bambina, e si recano verso l’ascensore, pigiano il tasto per il piano terra e l’ascensore scende. “ Non tanti rumori, vi era solo un particolare tremolio”- sottolinea il capo famiglia. Arrivati al piano, l’ascensore si ferma e si aprono le porte , incominciano a scendere , per ultima la zia ottantenne, ella non fa tempo a metter i piedi fuori dall’ascensore che si sente un forte rumore simile ad uno strappo. I quattro si girano e di colpo un forte boato fece sobbalzare tutto l’ospedale. Ed è cosi che si rompono i freni, e l’ascensore cade nel vuoto ad altissima velocità. “ Siamo miracolati” continuava a ripetere il capo famiglia. Che l’ascensore avesse problemi era già noto. Per l’ufficio ASP l’incidente è avvenuto per un guasto meccanico causato da un errata registrazione dei freni, inoltre affermano che finchè vi erano passeggieri, il loro peso avrebbe tenuto fermo ed in basso l’ascensore. Attualmente è bloccato con un nastro- cerotto posto davanti alle porte.
Francesco Barbuto
“ Scuola media Anna Frank”
II F

Vota questo articolo
(2000 Voti)

Ultimi da Direzione Desk 1

Articoli correlati (da tag)

Devi effettuare il login per inviare commenti