E’ stata gettata la prima colata di cemento sul sito di Capocolonna per la costruzione di un parcheggio che dovrebbe, almeno in teoria, rendere più facile il raggiungimento dell’area archeologica.


Ma partiamo con ordine. Grazie a un finanziamento di due milioni di euro, stanziato dall’Unione Europea, è partito un progetto denominato “Spa 2.4 Capocolonna” che prevede la riqualificazione del promontorio mediante una serie di lavori.
Uno di questi consiste nella costruzione di un parcheggio nella zona antistante la chiesa. Un’ottima intuizione, penserete.
Peccato che durante gli scavi antecedenti all’inizio dei lavori è stato rinvenuto un foro di età romana. Purtroppo come spesso succede gli interessi economici hanno avuto la meglio sulla cultura e, puntualmente, i ritrovamenti archeologici sono stati seppelliti nella loro tomba di sabbia, lasciati marcire e rovinare in attesa che qualcuno rievochi la loro storia.
Naturalmente, la città, appena scoperta la notizia, si è indignata al pensiero che con i soldi che noi cittadini versiamo pagando le tasse ci possano privare di un pezzo della nostra storia, di un pezzo di noi.
Crotone è stata una colonia greca, culla della civiltà moderna… un luogo dove Pitagora ha gettato le fondamenta della matematica e ora, dinanzi a un’eccezionale scoperta storica, che fa la nostra classe politica? Fa finta di niente, buttando nel dimenticatoio secoli e secoli di aureo splendore.
E’ impossibile che i soldi siano più forti della cultura, mi si strugge l’animo al solo pensiero. Crotone è una città che deve vivere di turismo e così facendo voi politici togliete a noi giovani la possibilità di renderla un posto migliore. Poi non vi lamentate se le nuove generazioni emigrano quando siete voi i primi ad infrangere i nostri sogni lavorativi!!!!
Volete un consiglio sul come spendere questi soldi??? Finanziate una campagna di scavi e di riqualificazione dell’area di Capocolonna, le fareste un favore. Noi crotonesi, me in primis, ci lamentiamo di non avere niente, invece abbiamo un enorme potenziale storico-naturale che, se fosse adeguatamente valorizzato, ci frutterebbe ricchezza e prosperità.
Pertanto, crotonesi, alziamo, una volta tanto, la nostra voce affinché le mie e le vostre parole non si disperdano nell’aria…

Paolo Ciampà
“Io, tu, noi…Anna Frank”

Vota questo articolo
(5705 Voti)
Devi effettuare il login per inviare commenti

Ad2