UN AFFRONTO ALLA CITTADINANZA: DANNEGGIATO L’OSTELLO DELLA GIOVENTÙ DI LOCRI

Locride è stato danneggiato. L’ostello della gioventù di Locri, nato da un bene confiscato alla ‘ndrangheta nel 2005, ristrutturato con i fondi sociali del PON Sicurezza dall’amministrazione comunale di Locri nel 2009, e ribattezzato Locride, è stato danneggiato da alcuni vandali la notte dell’11 febbraio.

I teppisti, dopo aver disattivato l’impianto di videosorveglianza, hanno portato via tre caldaie e il gruppo di pressurizzazione: ciò ha causato la fuoriuscita di acqua in tutti i locali della struttura, provocando danni stimabili per oltre ventimila euro, e rendendo quindi l’ostello inutilizzabile. L’atto vandalico è stato perpetrato il giorno prima della consegna della struttura al Consorzio GOEL, che si era aggiudicato l’assegnazione gratuita dell’ostello. La cooperativa aveva vinto la seconda gara d’assegnazione rivolta agli enti non-profit bandita dal Comune di Locri, battendo un’offerta concorrente, dopo che il primo bando era andato deserto. GOEL voleva rendere la struttura un punto di riferimento per il turismo del territorio, ma a qualcuno non è andato bene. Il sindaco di Locri, Giovanni Calabrese, e il presidente del consorzio GOEL, Vincenzo Linarello, che hanno anche ricevuto messaggi di solidarietà da alcuni istituti scolastici, non sono però disposti ad arrendersi e a fare sconti ad alcuno. I responsabili verranno individuati e puniti, e nel frattempo l’impegno per rendere nuovamente agibile la struttura e procederne con l’apertura verrà intensificato, per superare questo nuovo ostacolo. L’inaugurazione dell’Ostello, infatti, si terrà lunedì 20 febbraio. Il danneggiamento di una struttura che era in procinto di assumere un ruolo strategico nel turismo territoriale, già simbolo della lotta alla criminalità organizzata, e ristrutturata con impegno, è anche un danno al nostro territorio e un affronto alla cittadinanza. Locride, e la Locride, sono stati danneggiati.

Luca Matteo Rodinò
III E, Liceo Scientifico Zaleuco - Locri

Vota questo articolo
(250 Voti)
Devi effettuare il login per inviare commenti

Ad2