Da venticinque anni protetti da questo pastore

28 gennaio 1989/28 gennaio 2014 ed è così velocemente che sono passati venticinque anni da quando don Antonio Ciliberti ha ricevuto l’ordinazione episcopale.

“Sposa il territorio, dove il Signore Ti invia quale Suo profeta; servi i poveri, e cioè tutti gli uomini che stanno nel bisogno; ama perdutamente la Madonna, perché sia la stella del Tuo futuro ministero”
Sono proprio queste le parole,che con la preghiera,hanno aiutato don Antonio nei momenti di bisogno,parole che continuano ad essere tatuate nel suo cuore.
Nato a San Lorenzo del Vallo (Cosenza) il 31 gennaio 1935 diventa presbitero il 12 luglio 1959; da subito evidenzia la sua “diversità”,si mostra come un presbitero che cammina con amore e umiltà a fianco del suo popolo; ma ciò che lo differenzia è il suo “lottare contro un mostro”,il suo alzare gli occhi a Dio chiedendoGli di sconfiggere La ’Ndrangheta: nonostante i colpi di pistola sotto il suo palazzo e nonostante il dover vivere sotto scorta,non molla mai: “Alza gli occhi e prega il Signore” è ciò che ha fatto e che ha sempre insegnato ai suoi fedeli;
ed è proprio per aver trasmesso loro questi carismi che qualche giorno fa,i fedeli si sono recati in Cattedrale per festeggiare con lui,per ringraziarlo e per ascoltare la Santa Messa da lui celebrata. Un importante momento di preghiera fortemente voluto dall'arcivescovo metropolita mons. Vincenzo Bertolone, che ha visto,anche, la presenza di mons. Antonio Cantisani, arcivescovo emerito della diocesi di Catanzaro-Squillace.
L’augurio che noi fedeli ci sentiamo di fare è che lui possa continuare a ribadire che è soltanto pregando che si raggiunge la vita eterna e che possa continuare a lottare contro questo grande mostro che ha,da sempre, rovinato la nostra cara regione Calabria.
Nel corso degli anni gli è piaciuto identificarsi come il pastore eterno che non abbandona mai il suo gregge,ma lo protegge e lo custodisce con l’aiuto di Dio,al quale si rivolge mediante la Santa preghiera.
Claudia Sculco 3’C
Convitto Nazionale P.Galluppi

Vota questo articolo
(39 Voti)
Devi effettuare il login per inviare commenti

Ad2