Processo nato dall'operazione "Dinasty 2 - Do ut Des": Rinvio a giudizio di oltre 8 mesi

Processo nato dall'operazione "Dinasty 2 - Do ut Des": Rinvio a giudizio di oltre 8 mesi

Vibo Valentia - Un rinvio di oltre 8 mesi e nessun passo in avanti per il processo di secondo grado nato dall'operazione "Dinasty 2 - Do ut Des". L'operazione era scattata nel settembre 2006 ad opera della Dda di Salerno contro avvocati del foro di Vibo Valentia, imprenditori vibonesi ed esponenti del clan Mancuso. Fra gli imputati, anche il boss della 'ndrangheta Antonio Mancuso di Limbadi, condannato in primo grado a 7 anni, più 6 avvocati del Foro vibonese che in primo grado erano stati invece assolti. Le accuse: corruzione in atti giudiziari, falso, turbativa d'asta, frode processuale, truffa e concussione i reati, a vario titolo, contestati.

Vota questo articolo
(0 Voti)

Digital Editions | Prime pagine

DIGITAL EDITIONS | ABBONATI