Liberate Poiane e una Garzetta, il plauso di Enzo Bruno

Il vento l’hanno abbracciato senza

paura, dopo settimane di convalescenza. Sono tornate a volare libere nel cielo una poiana, recuperata a Palmi in località Scinà, ritrovata  in stato di shock, una seconda poiana recuperata a Soveria Simeri con una frattura comminuta all’ala sinistra a livello ulnare scomposta e con presenza di pallini, e una garzetta recuperata ad Africo in località Fiumara
Verde, con una frattura all’ala sinistra. Un altro piccolo miracolo realizzato dai sanitari e dai volontari del Centro Recupero Animali Selvatici della Provincia di Catanzaro, diretto dalla dottoressa Debora Giordano, che si dedicano con passione e impegno a questa attività di recupero, supportati anche dalle Guardie volontarie del WWf. I rapaci sono stati liberati questa mattina dal presidente della Provincia, Enzo Bruno, alla presenza della dirigente del settore competenze Rosetta Alberto, del vice presidente Marziale Battaglia e di tanti volontari e appassionati della struttura d’eccellenza che opera dal novembre 2005. Il presidente Bruno ha ringraziato quanti si occupano della tutela del patrimonio faunistico nell’interesse della comunità nazionale e internazionale. Un’attività complessa che si svolge attraverso la riabilitazione clinica e la successiva  liberazione nelle zone naturali,  nei periodi crono-climatici idonei,  per le specie selvatiche autoctone rinvenute in condizioni di difficoltà (feriti, traumatizzati, orfani, immaturi, ecc.), ma anche attraverso l’impegno ad arginare il dilagare di specie alloctone. Il Centro che sorge nel cuore del Parco della Biodiversità Mediterranea di Catanzaro ha anche importanti finalità educative: attraverso visite guidate, infatti, sono stati creati dei veri e propri percorsi di educazione ambientale per i ragazzi in età scolare atti a stimolare i giovani, mediante l’esplorazione, l’osservazione e il contatto, a familiarizzare con “il mondo degli animali selvatici”,  e a far comprendere il valore della biodiversità, l’importanza della consapevole conservazione e responsabilità nei confronti della natura, da possedere e tramandare alle future generazioni. Un fiore all’occhiello dell’amministrazione provinciale di Catanzaro che deve essere preservato e potenziato nell’interesse della tutela dell’ambiente e la cultura ambientalista che sorregge l’amore per il Parco della Biodiversità.

Vota questo articolo
(0 Voti)
Devi effettuare il login per inviare commenti

Ad2