I compagni della sinistra catanzarese ricordano Sarino Maida

I suoi compagni di milizia politica e sindacale, i suoi tanti alunni, i suoi amici, la sua città piangono Sarino Maida e si stringono in un affettuoso abbraccio alla moglie, alle figlie, ai nipoti.

Intelligente, colto, spiritoso,combattivo e coerente, ma sempre umano ed affabile, Sarino era ovunque a suo agio,nella discussione politica più aspra e nel dibattito culturale come nella trattativa con il venditore ambulante e nella chiacchiera calcistica.

Ha trasmesso a tante generazioni di studenti ben più che non i rudimenti delle sue materie, ha insegnato dignità, curiosità intellettuale, senso civico.

Noi, che l'abbiamo avuto compagno di lotta politica, abbiamo potuto apprezzare la sua passione unita al rigore "scientifico" del militante comunista, il suo amore per Catanzaro, la sua capacità di guardare ai problemi da un punto di vista mai scontato e banale, un senso critico spiccato,una vis polemica sempre temperata dall'ironia.

Se, talvolta, la sua coerenza lo ha portato ad allontanarsi, ha sempre saputo superare incomprensioni e divisioni. Ancora fino a ieri, nonostante la malattia che lo affliggeva, era per tanti fra noi un punto di riferimento la cui opinione andava ascoltata e meditata.

Per questo Sarino non mancherà solo ai suoi cari.

Vota questo articolo
(0 Voti)
Devi effettuare il login per inviare commenti

Ad2